Buondì, come va?
Questa settimana non ti scrivo io, ma ti lascio in buone mani.

 

Ciao, sono Alessandra Ceppi e in Catobi mi occupo di Marketing & People, questo lunedì sarò io a scrivere questo Remarks, spero che il viaggio ti soddisfi. Tommaso si scusa per l’assenza, ma stiamo mettendo a terra finalmente il nuovo volto di questo progetto, e sono settimane davvero molto impegnative.

 

Tu parli di flusso obbligato del tempo. La parola obbligato implica però un’esperienza soggettiva, i contenuti di coscienza e l’ordine in cui essi ci appaiono necessari (a causa del ricordo). In tutto ciò il qui e ora svolge un ruolo determinante; ma anch’esso va eliminato nella costruzione concettuale del mondo oggettivo.

 

| Einstein, dalla Lettera a Michele Besso del 13 luglio 1952

 

Nella nostra mente immaginiamo il futuro sempre in funzione del passato, perché l’esperienza e il ricordo ci guidano verso previsioni che a loro modo ci sembrano più o meno realistiche. Ma se il passato non esiste?

 

Pensa di essere Leonard Shelby, il protagonista del film Memento, affetto da un disturbo della memoria per i fatti recenti (amnesia anterograda): senza passato e quindi senza futuro, alla spasmodica ricerca di ricostruire il passato, e così immaginare il futuro, attraverso tatuaggi o post-it ma sempre con la sensazione di essere perso. Gli uffici marketing del 2022 sono molto simili a Leonard Shelby: affannati a ricordare un mondo che non gli appartiene più, bisognosi di conoscere e prevedere un futuro che non riescono a comporre perché senza guide, strutture, passato.

 

Infatti questo Remarks, si chiama: Hybrid Marketing, Prepararsi, ridefinire e abilitare il Marketing del futuro. Che è anche il titolo dello Speech che terremo all’Italia’s Growth Talent, qui puoi riservare la tua poltrona→

 

Ti faccio una domanda…

 

Il marketing ha sempre bisogno di grandi budget?

 

GO↓

Conditio Sine Qua Non

Effettivamente Marketing

 

Tutti i giorni mi occupo di strategia e so bene quanto sia importante avere budget da investire. È una delle conditio sine qua non per fare effettivamente marketing. Pur partendo da questo presupposto, in Catobi, abbiamo volutamente creato una Case History dai risultati unici nella nostra industry.

 

Le azioni di marketing portate avanti sono state gestite quasi solamente tramite organico, riuscendo ad ottenere spesso risultati estremamente positivi ( es. 30k Readers su Catobium, oppure +500 partecipanti alla nostra 1° RoundTables ecc..)

 

Ovviamente i budget media sono fondamentali per assicurarsi di raggiungere determinati obiettivi, soprattutto in volumi di vendite; però non è questo il percorso che vorrei affrontare con te, oggi.

 

Vorrei che indagassimo insieme due KR ottenuti in Catobi, perché farlo?

 

→ Prima di tutto, perché sono casi reali che siamo riusciti a mettere a terra.
Sperimentando, ma anche studiando approfonditamente la nostra audience, costruendo una relazione di fiducia unica e gli strumenti che utilizziamo.

 

→ Dopodiché, perché partiamo da una domande, che è un Trigger Point che potrai reiterare sin da oggi nel tuo ufficio, nel tuo Team e nel tuo Business e che prescinde dal Budget che potrai investire.

 

→ Infine perché ti fornirò anche degli strumenti con i quali abbiamo agito e che ti permetteranno di compiere un’azione immediatamente applicabile.
Attenzione! Rapido e (spero risaputo) Disclaimer:

Non serve quasi mai a niente replicare strategie di altri aspettandosi gli stessi risultati, perché ogni mercato, prodotto, cluster di pubblico o servizio sono diversi.

 

Quindi a cosa serve? Il mio consiglio è di prendere questi due case come spunti per ripartire da alcuni nodi strategici del piano marketing di ogni business.

Partiamo!

Key Results

Lead Gen & Strtgy Workshop

 

Andiamo subito al sodo, senza indugi.

 

→ No° 1 | Acquisire un lead è solo l’inizio.

Esattamente questo Remarks, in un solo anno di vita, ha visto + 34k persone iscriversi. Non tutte sono ancora presenti, e non tutte abbiamo scelto che lo fossero. Cosa intendo?  La qualità della relazione è molto più importante della numerica. Un CRM popolato di migliaia di fantasmi con un Open-Rate del 3% non porta valore né a chi quel contenuto lo produce né a chi lo riceve, oltre ad essere deleterio. Come ben saprai…

 

Il compito degli addeti al lavoro di oggi è creare nuove connessioni con tutti gli Stakeholder di riferimento sia dentro che fuori dall’organizzazione. Ne ha parlato recentemente anche Gartner qui↗

 

Rimane fondamentale ingaggiare i propri utenti e coinvolgerli però è importante anche sapere quando non stanno portando il valore atteso. Allora, dopo una campagna di riattivazione di cold-lead, metterli in pausa. Pensa solo che, secondo NewVoiceMedia e Hubspot,  il 71% delle persone, si dichiara irritato comportamento del Marketing e dell’area Vendite che non ascoltano quello che gli stakeholder con i loro comportamenti gli dicono.

 

La domanda chiave:
Sei in grado di dare un taglio ai rami secchi del tuo database?

 

Cosa puoi fare subito?

Attenzione! Rapido e (spero risaputo) Disclaimer X2:
Ripulire il CRM non significa cancellare contatti. Se non aprono le tue mail non significa che non puoi intercettarli tramite altre campagne in altri touchpoint.

 

Prova ad individuare chi  realmente un cold-lead in questa fase e prova a coinvolgerlo in una campagna dedicata, magari usando Trigger Psicologici che sai funzionare in questo specifico caso/settore/audience.

 

Se la campagna di Permission Sequence non dovesse cambiare lo stato delle cose, metti in pausa il contatto, ma prova comunque ad avvisarlo che lo stai facendo. Noi lo facciamo, dimostra una forte cura del contatto, e ha davvero ottimi risultati (il 42% vuole essere mantenuto attivo e si impegna ad esserlo di nuovo).

 

Questo per noi  è un contatto, che rientra nel segmento ( e TAG): WBMD.
Che significa: Welcome Back my dear! Se ti piace, puoi prenderlo in prestito.

 

→ No° 2 | Trend Hunting, una Content Strategy di Valore

Come sai, in Catobi, ospitiamo contenuti Premium sviluppati dal nostro team organico (che è arrivato ad un picco di + 20 member), ma anche dai Contributors esterni (ormai +60), i quali trovano in noi una finestra di condivisione e valorizzazione della loro Expertise decennale.

 

Sono passati quasi du anni di attività, e avendo sviluppato il 98% dei nostri contenuti in organico, siamo riusciti a mantenerci su metriche che, sinceramente, definirei sorprendenti. (es. LinkedIn: 30/35k Views, con +125 follower acquisiti alla settimana). Lungi da me, annoiarti con Vanity Metrics. Ma perchè ti sto dicendo questo?

 

Perché poi + del 20% di questi followers, convinto dalla qualità del nostro Content ci ha contattato per diventare un Writers, un Podcaster (o entrambi) o, addirittura, un nostro Partner, andando a contribuire, creando valore, a sua volta.
La cura dei nostri contenuti è uno dei nostri punti di forza principali eppure se ci limitassimo a compilare un piano editoriale non saremmo riusciti ad essere innovativi. La nostra Content Strategy annuale viene pianificata attraverso uno Strategy Workshop dedicato, che fa della nostra Governance Orizzontale, il suo più grande risultato. Il coinvolgimento dei team permette di produrre contenuti di qualità superiore e anche di aumentare la Brand Credibility.

 

La domanda chiave:
Il tuo team partecipa ai momenti strategici per il business?

 

Cosa puoi fare subito?
Ti racconto in 5 Step il Content Strategy Workshop

 

No° 1  Focalizza:
Parti sempre da quello che è il tuo Long Term Goal.

  • Cosa voglio ottenere con la Content Strategy?
  • Essere rilevanti con temi Core?
  • Ripositioning?
  • Ampliare il mio Market Share?

 

No° 2 Analizza:
Sapresti già elencarmi 4 o 5 macro Trend che riguardano la tua area di azione?

  • Dove va il mercato?
  • Come sono settate le aspettative?

 

No° 3 Riunisci:
Hai già Board (virtuale o fisica)? Creala e, tramite brainstorming puntuale, chiedi al tuo Team di individuare, esplodendo i macro Trend, almeno 10 micro temi che ciascuno vorrebbe approfondire.

  • I temi diventeranno la tua OTMT
  • La content Strategy Trend -LED
  • Maggiore coerenza tra ToV e  Content

 

No° 4 Assegna:
Ogni membro del tuo team dovrà sempre essere protagonista, ma anche custode.

  • Ownership Estesa= Results

 

No° 5 Agisci:
Ora inizia. Se lasci su carta, non riuscirai mai a rendere la tua strategia adattiva.

  • I framework non sono gabbie
  • I framework sono Guidelines
  • Struttura solida vs Spazio Adattivo

 

Ogni elemento presente all’interno del tuo business è un ingranaggio che contribuisce a far girare la ruota, la grande sfida di oggi è proprio quella di essere in grado di creare e cavalcare nuove interconnessioni imparando sempre più a mettere a terra una leadership condivisa.

 

Per questo, ti aspettiamo il 3 Febbraio.

Questo è Remarks. Il Touchpoint digitale di Catobi. Se ti fa piacere continuare a parlare di questi temi, ti basta iscriverti qui→

Carlo Tommaso Bisaccioni | Catobi

Buondì, come va?
Questa settimana non ti scrivo io, ma ti lascio in buone mani.

 

Ciao, sono Alessandra Ceppi e in Catobi mi occupo di Marketing & People, questo lunedì sarò io a scrivere questo Remarks, spero che il viaggio ti soddisfi. Tommaso si scusa per l’assenza, ma stiamo mettendo a terra finalmente il nuovo volto di questo progetto, e sono settimane davvero molto impegnative.

 

Tu parli di flusso obbligato del tempo. La parola obbligato implica però un’esperienza soggettiva, i contenuti di coscienza e l’ordine in cui essi ci appaiono necessari (a causa del ricordo). In tutto ciò il qui e ora svolge un ruolo determinante; ma anch’esso va eliminato nella costruzione concettuale del mondo oggettivo.

 

| Einstein, dalla Lettera a Michele Besso del 13 luglio 1952

 

Nella nostra mente immaginiamo il futuro sempre in funzione del passato, perché l’esperienza e il ricordo ci guidano verso previsioni che a loro modo ci sembrano più o meno realistiche. Ma se il passato non esiste?

 

Pensa di essere Leonard Shelby, il protagonista del film Memento, affetto da un disturbo della memoria per i fatti recenti (amnesia anterograda): senza passato e quindi senza futuro, alla spasmodica ricerca di ricostruire il passato, e così immaginare il futuro, attraverso tatuaggi o post-it ma sempre con la sensazione di essere perso. Gli uffici marketing del 2022 sono molto simili a Leonard Shelby: affannati a ricordare un mondo che non gli appartiene più, bisognosi di conoscere e prevedere un futuro che non riescono a comporre perché senza guide, strutture, passato.

 

Infatti questo Remarks, si chiama: Hybrid Marketing, Prepararsi, ridefinire e abilitare il Marketing del futuro. Che è anche il titolo dello Speech che terremo all’Italia’s Growth Talent, qui puoi riservare la tua poltrona→

 

Ti faccio una domanda…

 

Il marketing ha sempre bisogno di grandi budget?

 

GO↓

Conditio Sine Qua Non

Effettivamente Marketing

 

Tutti i giorni mi occupo di strategia e so bene quanto sia importante avere budget da investire. È una delle conditio sine qua non per fare effettivamente marketing. Pur partendo da questo presupposto, in Catobi, abbiamo volutamente creato una Case History dai risultati unici nella nostra industry.

 

Le azioni di marketing portate avanti sono state gestite quasi solamente tramite organico, riuscendo ad ottenere spesso risultati estremamente positivi ( es. 30k Readers su Catobium, oppure +500 partecipanti alla nostra 1° RoundTables ecc..)

 

Ovviamente i budget media sono fondamentali per assicurarsi di raggiungere determinati obiettivi, soprattutto in volumi di vendite; però non è questo il percorso che vorrei affrontare con te, oggi.

 

Vorrei che indagassimo insieme due KR ottenuti in Catobi, perché farlo?

 

→ Prima di tutto, perché sono casi reali che siamo riusciti a mettere a terra.
Sperimentando, ma anche studiando approfonditamente la nostra audience, costruendo una relazione di fiducia unica e gli strumenti che utilizziamo.

 

→ Dopodiché, perché partiamo da una domande, che è un Trigger Point che potrai reiterare sin da oggi nel tuo ufficio, nel tuo Team e nel tuo Business e che prescinde dal Budget che potrai investire.

 

→ Infine perché ti fornirò anche degli strumenti con i quali abbiamo agito e che ti permetteranno di compiere un’azione immediatamente applicabile.
Attenzione! Rapido e (spero risaputo) Disclaimer:

Non serve quasi mai a niente replicare strategie di altri aspettandosi gli stessi risultati, perché ogni mercato, prodotto, cluster di pubblico o servizio sono diversi.

 

Quindi a cosa serve? Il mio consiglio è di prendere questi due case come spunti per ripartire da alcuni nodi strategici del piano marketing di ogni business.

Partiamo!

Key Results

Lead Gen & Strtgy Workshop

 

Andiamo subito al sodo, senza indugi.

 

→ No° 1 | Acquisire un lead è solo l’inizio.

Esattamente questo Remarks, in un solo anno di vita, ha visto + 34k persone iscriversi. Non tutte sono ancora presenti, e non tutte abbiamo scelto che lo fossero. Cosa intendo?  La qualità della relazione è molto più importante della numerica. Un CRM popolato di migliaia di fantasmi con un Open-Rate del 3% non porta valore né a chi quel contenuto lo produce né a chi lo riceve, oltre ad essere deleterio. Come ben saprai…

 

Il compito degli addeti al lavoro di oggi è creare nuove connessioni con tutti gli Stakeholder di riferimento sia dentro che fuori dall’organizzazione. Ne ha parlato recentemente anche Gartner qui↗

 

Rimane fondamentale ingaggiare i propri utenti e coinvolgerli però è importante anche sapere quando non stanno portando il valore atteso. Allora, dopo una campagna di riattivazione di cold-lead, metterli in pausa. Pensa solo che, secondo NewVoiceMedia e Hubspot,  il 71% delle persone, si dichiara irritato comportamento del Marketing e dell’area Vendite che non ascoltano quello che gli stakeholder con i loro comportamenti gli dicono.

 

La domanda chiave:
Sei in grado di dare un taglio ai rami secchi del tuo database?

 

Cosa puoi fare subito?

Attenzione! Rapido e (spero risaputo) Disclaimer X2:
Ripulire il CRM non significa cancellare contatti. Se non aprono le tue mail non significa che non puoi intercettarli tramite altre campagne in altri touchpoint.

 

Prova ad individuare chi  realmente un cold-lead in questa fase e prova a coinvolgerlo in una campagna dedicata, magari usando Trigger Psicologici che sai funzionare in questo specifico caso/settore/audience.

 

Se la campagna di Permission Sequence non dovesse cambiare lo stato delle cose, metti in pausa il contatto, ma prova comunque ad avvisarlo che lo stai facendo. Noi lo facciamo, dimostra una forte cura del contatto, e ha davvero ottimi risultati (il 42% vuole essere mantenuto attivo e si impegna ad esserlo di nuovo).

 

Questo per noi  è un contatto, che rientra nel segmento ( e TAG): WBMD.
Che significa: Welcome Back my dear! Se ti piace, puoi prenderlo in prestito.

 

→ No° 2 | Trend Hunting, una Content Strategy di Valore

Come sai, in Catobi, ospitiamo contenuti Premium sviluppati dal nostro team organico (che è arrivato ad un picco di + 20 member), ma anche dai Contributors esterni (ormai +60), i quali trovano in noi una finestra di condivisione e valorizzazione della loro Expertise decennale.

 

Sono passati quasi du anni di attività, e avendo sviluppato il 98% dei nostri contenuti in organico, siamo riusciti a mantenerci su metriche che, sinceramente, definirei sorprendenti. (es. LinkedIn: 30/35k Views, con +125 follower acquisiti alla settimana). Lungi da me, annoiarti con Vanity Metrics. Ma perchè ti sto dicendo questo?

 

Perché poi + del 20% di questi followers, convinto dalla qualità del nostro Content ci ha contattato per diventare un Writers, un Podcaster (o entrambi) o, addirittura, un nostro Partner, andando a contribuire, creando valore, a sua volta.
La cura dei nostri contenuti è uno dei nostri punti di forza principali eppure se ci limitassimo a compilare un piano editoriale non saremmo riusciti ad essere innovativi. La nostra Content Strategy annuale viene pianificata attraverso uno Strategy Workshop dedicato, che fa della nostra Governance Orizzontale, il suo più grande risultato. Il coinvolgimento dei team permette di produrre contenuti di qualità superiore e anche di aumentare la Brand Credibility.

 

La domanda chiave:
Il tuo team partecipa ai momenti strategici per il business?

 

Cosa puoi fare subito?
Ti racconto in 5 Step il Content Strategy Workshop

 

No° 1  Focalizza:
Parti sempre da quello che è il tuo Long Term Goal.

  • Cosa voglio ottenere con la Content Strategy?
  • Essere rilevanti con temi Core?
  • Ripositioning?
  • Ampliare il mio Market Share?

 

No° 2 Analizza:
Sapresti già elencarmi 4 o 5 macro Trend che riguardano la tua area di azione?

  • Dove va il mercato?
  • Come sono settate le aspettative?

 

No° 3 Riunisci:
Hai già Board (virtuale o fisica)? Creala e, tramite brainstorming puntuale, chiedi al tuo Team di individuare, esplodendo i macro Trend, almeno 10 micro temi che ciascuno vorrebbe approfondire.

  • I temi diventeranno la tua OTMT
  • La content Strategy Trend -LED
  • Maggiore coerenza tra ToV e  Content

 

No° 4 Assegna:
Ogni membro del tuo team dovrà sempre essere protagonista, ma anche custode.

  • Ownership Estesa= Results

 

No° 5 Agisci:
Ora inizia. Se lasci su carta, non riuscirai mai a rendere la tua strategia adattiva.

  • I framework non sono gabbie
  • I framework sono Guidelines
  • Struttura solida vs Spazio Adattivo

 

Ogni elemento presente all’interno del tuo business è un ingranaggio che contribuisce a far girare la ruota, la grande sfida di oggi è proprio quella di essere in grado di creare e cavalcare nuove interconnessioni imparando sempre più a mettere a terra una leadership condivisa.

 

Per questo, ti aspettiamo il 3 Febbraio.

Questo è Remarks. Il Touchpoint digitale di Catobi. Se ti fa piacere continuare a parlare di questi temi, ti basta iscriverti qui→

Carlo Tommaso Bisaccioni | Catobi

Il nutrimento della tua strategia di Business
Tutti i lunedì mattina alle 9.00
Nella tua Inbox. È gratis
Metodi e strumenti per abilitare l’innovazione nella tua azienda

    Accetto la privacy di Catobi